I professionisti della stampa 3D al tuo servizio

Palette 2 by Mosaic – Quale scegliere ?

Come funziona?

Detta in soldoni? Trasforma una stampante 3D mono ugello in una con 4 ugelli “virtuali”. Grazie all’unione di più spezzoni di filamento (colorati o non), si potranno creare oggetti che fino a prima necessitavano di una stampante multi estrusore. Pensiamo banalmente ai supporti di stampa, fastidiosissimi da rimuovere vero? Ora con questo sistema potremo utilizzare i supporti di tipo solubile e realizzare finalmente stampe complicate anche in FDM.

Non c’è da temere, i ragazzi della Mosaic hanno fatto davvero un gran lavoro. Forti del successo di Palette+, con il nuovo Palette 2/PRO si sono superati e sono riusciti a confezionare un prodotto davvero semplice da utilizzare e configurare. La prima domanda che ti sarai fatto è : “Ma mi tocca utilizzare il loro software…” , assolutamente no! Lo slicing del pezzo potrà essere fatto con uno qualsiasi degli slicer in commercio (configurati come da questa GUIDA ) . I passaggi sono quindi i seguenti:

  1. Caricamento e slice del pezzo con lo slicer preferito
  2. Esportazione file Gcode
  3. Importazione nel software CHROMA per la generazione delle transizioni colore e splice del filamento

Stop, il tuo file gcode verrà toccato SOLO per l’inserzione di codice aggiuntivo, non noterai alcuna differenza sull’oggetto stampato

Quanti colori/materiali posso utilizzare?

Combinazioni possibili tra i vari materiali

La cosa bella di Palette 2 è che non limita la realizzazione a soli oggetti multicolore, bensì apre le porte anche ad oggetti multi-materiale. Come è possibile vedere dalla tabella qui sopra, Palette è già stato testato per l’unione mista di filamenti come PLA, PETG, ABS, TPU, PVA, HIPS. Tramite questa GUIDA è possibile anche creare la propria combinazione personalizzata se per caso la marca di filamento non dovesse comparire tra quelle che utilizzate.

Canvas, Canvas Hub, Chroma… che è tutta questa roba?

Nulla di preoccupante, ti aiuterò a capire meglio cosa sono in meno di 5 minuti:

  • Canvas è il loro software di Slicing ottimizzato per la stampa multicolore. Questo significa che passando tramite questo software dovrete rivedere i vostri profili di stampa ma oggettivamente ne vale la pena. Perchè? Perchè è stato concepito proprio per creare dei tracciati di lavoro che permettono la generazione minima della torre di spurgo (quando si cambia colore/materiale). E’ completamente CLOUD BASED quindi fate attenzione ad avere una buona connessione ad internet: attualmente è in una fase di testing avanzato, presenta ancora qualche bug ma tutto sommato per oggetti non molto complicati si può utilizzare.
  • Chroma è invece il software (windows, linux,mac) che si può scaricare e far girare in locale. Nota bene, NON è uno slicer ! Il suo compito è quello di prendere il tuo gcode generato con (esempio) Simplify 3D, importarlo, gestire in quali parti volete che vada un determinato colore e poi alla fine esporterà un nuovo file gcode con del codice inserito in precisi punti (per la rilevazione dei ping e il cambio colore)
  • Canvas Hub è invece un dispositivo composto da un Raspberry Pi Zero e un box di contenimento molto carino. Al suo interno gira una versione custom di Octoprint con tutti i plug-in di Palette 2. Qual è il suo compito? Semplicemente monitorare la sincronizzazione tra quanto è stato stampato e confrontarlo con la quantità di materiale prodotta. Quando si stampa dall’hub, la stampante è fisicamente collegata al Raspberry così come anche il Palette (connected mode). Tale dispositivo non è necessario, infatti Palette è possibile utilizzarlo anche in modalità “stand alone” senza doverlo collegare alla stampante (accessory mode). Per i più smanettoni è possibile seguire QUESTA guida per poter creare in autonomia il proprio Hub !

Cosa cambia tra i vari modelli?

La macchina di base è la stessa, cambiano due cose: il colore (bianco per la standard e nero per la PRO) e l’unità riscaldante (core). Sulla standard è in plastica nella PRO è full metal. Quali sono i vantaggi della PRO quindi?

  • Maggior durata del core di slicing
  • Garanzia 24 mesi o fino a 50.000 splice (per la standard sono 9 mesi di garanzia o fino a 25.000 splice)
  • Maggiore velocità in fase di preparazione filamento
  • Kit di ricambi come sensori fine corsa, lame di taglio, tubi in teflon per il core ecc ecc (kit NON presente nella standard)

Per il resto sono identiche e funzionano allo stesso modo.

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*